You are here:---Rispondi a: mescolare risposte a quiz
Rispondi a: mescolare risposte a quiz2019-06-12T22:07:15+01:00

Home Forum Domande su Excel Generale mescolare risposte a quiz Rispondi a: mescolare risposte a quiz

Avatarmapi
Partecipante
    Post totali: 10

    Premesso che con la formula INT(CASUALE() * (numeroMax-numeroMin) + numeroMin) non verrà mai estratto numeroMax e che, quindi, va corretta in INT(CASUALE() * (numeroMax-numeroMin+1) + numeroMin), l’unica differenza concreta con la formula INT(numeroMax * CASUALE() + 1) è che quest’ultima non consente un controllo sul numero minino (giacché, appunto, non è presente in formula) mentre l’altra, una volta corretta, si comporta esattamente come la funzione Excel CASUALE.TRA(numeroMin;NumeroMax)

    Per quanto riguarda le probabilità di uscita di un numero compreso tra 1 e 10 ho fatto un test su 1.000.000 di generazioni con tutte e tre le formule e la deviazione standard è sempre inferiore a 500. Ciò significa, in altre parole, che su 1.000.000 di generazioni il numero da 1 a 10 che esce più spesso compare nel peggiore dei casi 100.500 volte mentre quello che esce meno spesso compare nel peggiore dei casi 95.000 volte. Alla luce di ciò, specie per i nostri scopi attuali, mi sento di affermare che tutti i numeri la stessa probabilità di essere generati, con qualsiasi delle formule/funzioni sopra descritte. Io, per semplicità, preferisco CASUALE.TRA(numeroMin;NumeroMax) ma è una questione di gusto personale.

    Alla luce di quanto sopra mi domando (e ti domando): atteso che il problema non sembra la generazione del numero pseudo-casuale, quale potrebbe essere la causa del fatto che – all’interno di una singola materia – alcune domande escano più spesso ed altre meno spesso? Ormai ho fatto così tanti quiz (oltre 100) da essere certo di ciò ;-)

    Un caro saluto,
    Marco

    P.S.: La distribuzione uniforme è quella che fa si che i numeri da N a M abbiano tutti la stessa possibilità di essere generati mentre la distribuzione normale (o gaussiana) è quella che si usa, ad esempio, per rappresentare l’altezza della popolazione (non c’è un numero uguale di uomini per ogni possibile statura ma oltre il 50% dei maschi adulti ha una statura compresa tra 173 e 175 cm)

    Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

    Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

    Chiudi